Contenuto principale

Messaggio di avviso

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Clicca Qui per ulteriori informazioni.

WhatsApp Image 2020 05 31 at 11.50.16   Il progetto "Maggio dei libri" conclude le tante iniziative che si sono realizzate,  in corso d' anno,  alla Principe Amedeo e che hanno visto la lettura come una protagonista della crescita culturale dei nostri giovani.
   Questo progetto, inoltre, ha, tra le sue molteplici finalità,  anche  quella di favorire il piacere della lettura attraverso modalità e contesti diversi da quelli tradizionali e, proprio per questo, accogliendo l’invito dell’amministrazione comunale, l’Istituto Comprensivo Principe Amedeo ha  partecipato alla campagna nazionale “Maggio dei libri”, coinvolgendo i bambini della scuola primaria “Don Bosco” e i ragazzi della Scuola Secondaria di 1° grado, che sono stati coinvolti, in maniera ludica e dinamica in un percorso sulla riscoperta dell’importanza della  lettura.
   Durante le ore di lezione la lettura viene vissuta come momento di condivisione, di interpretazione ed interazione con il testo scritto in modo da rielaborarne i messaggi  scambiandosi  riflessioni e opinioni, ma con la sospensione della didattica in presenza le possibilità di raffronto con i compagni si sono notevolmente ridotte.


   Tuttavia anche la DAD, se ben organizzata può consentire esperienze di apprendimento significative in grado di motivare gli studenti  favorendone nello stesso tempo l’autonomia.
   Agli alunni della Scuola Primaria è stato inviato ogni settimana e per tutta la durata del mese un libro digitale da ascoltare, da guardare, da sfogliare con il cursore … un racconto da imprimere negli occhi oltre che nella testa e nel cuore.
   Il primo audiolibro proposto è stato “L’usignolo” famosissima fiaba di Hans Christian  Andersen letta dall’attore e doppiatore Luca Ward ; il secondo “Paperino e il bastone magico” un divertente e dinamico racconto a fumetti che ha molto divertito i bambini con le storie del buffo papero della Disney e dei suoi nipotini.
   Il terzo e-book inviato  è stato il “Pescatore di sogni” una favola di Jacopo Ratini che racconta la forza dell’amore.
   I bambini hanno manifestato le loro emozioni attraverso illustrazioni e riflessioni: una sorta di storyboard personalizzata che ha catapultato i nostri piccoli ascoltatori in un universo parallelo, un mondo magico e fatato immerso nei cieli sconfinati della fantasia.
   Gli alunni della Scuola Secondaria, invece, hanno scelto liberamente dei testi fra tutti quelli letti in classe o per proprio conto e ne hanno analizzato il messaggio e i temi principali, approfondendo anche tematiche sociali o di attualità e cercando di prendere da ogni testo spunti di riflessioni.
   A suggello di questa emozionante esperienza gli alunni hanno partecipato, assieme ai docenti che hanno curato il progetto, ad una conferenza via streaming  dove, alla presenza della dott.ssa Alessia Maria Di Biase, referente dello Sportello Adozioni Internazionali Ernesto  e della consigliera comunale presidente Commissione Cultura  Gianna Conte, hanno  mostrato e commentato gli elaborati scaturiti  dalla loro creatività’ dando vita ad un dibattito culturale  interattivo.
   L’incontro, fortemente voluto dalla Dirigente Maria Angela Rispoli, ha ricoperto un ruolo strategico nel percorso formativo di ogni alunno  perché, come ha ribadito la Dirigente Scolastica, “ha permesso di dare dignità alla lettura in una società, come quella attuale, che offre a bambini e ragazzi innumerevoli stimoli culturali, soprattutto di carattere multimediale e tecnologico, dove la cultura dell’ascolto e della lettura sta cedendo il posto a quella dell’immagine per la concorrenza dei codici non alfabetici, specialmente visivi, che forniscono ormai tutte le informazioni necessarie per cui leggere risulta, per i ragazzi, noioso ed inutile.”
   “Un libro costa poco oggi, è accessibile a tutti, soprattutto è un sicuro aiuto nei momenti più difficili – ha sottolineato la Preside durante la diretta streaming-  infatti la sua lettura ci consola, liberandoci dalla solitudine e, per di più, ci aiuta a rilassarci trasportandoci nella sua dimensione, grazie alle abilità tecniche dello scrittore”.
    E questo è anche il leitmotiv che ha fatto da sfondo ai numerosi eventi letterari di cui la Principe Amedeo è sempre stata l’entusiasta promotrice e ciò è tanto più vero in un contesto critico e difficile come quello che stiamo vivendo.
   La lettura, infatti, si configura come un trait d’union tra il passato ed il futuro, tra ciò che è e ciò che accadrà, tra le possibilità di essere e divenire poiché come scrisse Petrarca: “Interrogo i libri e mi rispondono. E parlano e cantano per me. ..E mi portano il riso sulle labbra e la consolazione nel cuore…”.

 

Immagine5 WhatsApp Image 2020 05 31 at 11.50.16