Contenuto principale

Messaggio di avviso

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Clicca Qui per ulteriori informazioni.

WhatsApp Image 2020 01 28 at 22.32.41   Lunedì 27 Gennaio anche l’Istituto Comprensivo Principe Amedeo, come ogni anno, ha celebrato la giornata della memoria presentando lo spettacolo teatrale “Io non dimentico” diretto dal regista Fabio D’Avino e rappresentato dagli attori dell'Accademia d’Arte Drammatica del Lazio che da diversi anni collabora con  il nostro istituto proponendo iniziative sempre nuove ed emozionanti. Ed infatti un'ondata di intense emozioni  sono state vissute dai ragazzi della scuola media Principe Amedeo di Gaeta per i quali il giorno della memoria non è stato solo il mero ricordo della Shoah e dell'orrore subito dai deportati di Auschwitz, di Dachau...
   Anche questa volta sono scesi in campo le emozioni, i sentimenti, la commozione per uno spettacolo che ha alternato parti recitate e parti cantate, contornate dall’utilizzo di diversi simboli, volti a rappresentare una dura realtà che oggi ci sembra lontana, ma che rischia di cadere nell’oblio se nelle scuole non si continuerà a  parlarne, la tragedia, appunto, del popolo ebraico.


   Molto suggestivo il finale quando gli attori si sono coperti con un velo color arcobaleno ad indicare, - come ha evidenziato la Dirigente Scolastica Maria Angela Rispoli - “la speranza che tutto ciò non venga dimenticato, ma perché ciò accada occorre un grandissimo impegno da parte di tutti, a partire da noi stessi per arrivare poi anche al mondo della politica, per lavorare insieme affinché orrori di questo genere non si ripetano più.”
Al termine  dello spettacolo, inoltre, i ragazzi hanno potuto assistere alla proiezione di video inediti sull'Olocausto ed ascoltare la testimonianza storica commovente di alcuni nonni, che durante la seconda guerra mondiale, hanno subito la violenza morale e fisica dei tedeschi e dei fascisti alleati di Hitler. Molto toccante soprattutto la testimonianza della signora Leontina Di Vozzo, una delle protagoniste delle barbarie che hanno avuto come teatro Gaeta e le zone limitrofe del territorio Campano.
>   Anche questa giornata evento, come tutte le manifestazioni organizzate dall’Istituto, rientra nell’offerta formativa del P.T.O.F. in quanto l’argomento trattato è stato preventivaente discusso ed analizzato in classe da tutti i docenti in modo da avere una visione a 360 gradi di un periodo che ha visto la morte di milioni di ebrei, le cui identità sono state annullate da un numero di matricola impresso sulle braccia che non è riuscito, comunque, a sconfiggere, nei sopravvissuti, la voglia di raccontare quell’esperienza e tramandarla ai posteri perché “Quel che accaduto non può essere cancellato, ma si può impedire che accada di nuovo”.
   Presenti alla manifestazione i membri del Consiglio d’Istituto, l'ingegnere Giovagnoli e i signori De Luca, rispettivamente nonno e bisnonni di due alunni dell'Istituto Comprensivo, il Consigliere Comunale Gianna Conte e la maestra Sonia Vagnati in rappresentanza dell’Associazione Ernesto, anch’essa un partner dell’Istituto Comprensivo Principe Amedeo.
   Ancora una volta la Principe Amedeo scende in prima linea per difendere la dignità di tutti gli uomini anche, e soprattutto, attraverso la memoria storica.

 

WhatsApp Image 2020 01 28 at 22.32.41 1 WhatsApp Image 2020 01 28 at 22.32.41 2 WhatsApp Image 2020 01 28 at 22.32.42
WhatsApp Image 2020 01 28 at 22.32.42 1 WhatsApp Image 2020 01 28 at 22.32.42 2 WhatsApp Image 2020 01 28 at 22.32.43
WhatsApp Image 2020 01 28 at 22.32.43 1 WhatsApp Image 2020 01 28 at 22.32.43 2 WhatsApp Image 2020 01 28 at 22.32.44