Stampa
Categoria: Notizie
Visite: 453

WhatsApp Image 2019 06 07 at 20.20.06 2  Si è concluso il 7 giugno 2019 presso la scuola secondaria di primo grado dell’IC “Principe Amedeo”, il progetto di Mediazione Scolastica realizzato dall’Associazione “Media con Noi”.

Il Progetto, che ha visto coinvolte le classi campione IE e IB, ha avuto lo scopo di trasmettere ai ragazzi la capacità di essere "Piccoli Mediatori" nelle loro classi e nella vita.

La figura del piccolo mediatore, all’interno della scuola pubblica, è importante perché attraverso la sua azione, la classe sarà chiamata e stimolata - anche in itinere dal docente guida - ad adottare un nuovo stile nelle dinamiche relazionali e pian piano si costruiranno insieme percorsi di mediazione fra gli aspetti che a prima vista sembrano inflessibili e di difficile negoziazione pedagogica.

Tanti gli strumenti utilizzati, nel corso degli incontri con le dottoresse Sasso e Ariganello, per il raggiungimento di questo fine: il gioco, la lettura, il role playing e le simulate .

Oggi nell'incontro conclusivo di questo anno scolastico ci si è salutati con la lettura di “Gea ed il piccolo uccellino”: Gea è una bambina con grandi capacità empatiche ed entrando in un bar, nel sentire cinguettare un uccellino, avverte subito una grande tristezza. Il suo istinto la porta ad aprire la gabbia e far andare via l’uccellino. Grande silenzio e grande riflessione si vive nel bar, dove tutti non avevano compreso la sofferenza dell’uccellino. Andando via Gea assapora la sensazione di volare libera e si rende conto che è il dono fattole dall’uccellino finalmente libero.

L’associazione "Media con Noi" - nella persona del presidente la dott.ssa Maria Rosaria Sasso e l’avv. Rossana Ariganello - in primis, ha ringraziato la Preside Rispoli per aver permesso l'espletamento del progetto di Mediazione scolastica nella sua scuola, dimostrando un'attenzione psicopedagogica non comune, inoltre ha espresso apprezzamento per la prof. Garau, referente del progetto, sempre sensibile e favorevole all'attuazione di tali percorsi "emozionali" nelle sue classi, infine ha salutato i ragazzi con l’augurio di provare ad essere nella vita quanto più possibili uguali a Gea.

L’affermazione di questa figura nell’ambito della classe, sostiene la professoressa Garau, ha contribuito a coltivare e sviluppare un clima basato su relazioni maggiormente efficaci, importanti per proiettare l’ambiente scolastico verso il benessere emozionale su cui si sviluppano le abilità, le competenze e le conoscenze personali e del gruppo.

La Preside auspica per il prossimo anno il prosieguo di tale progetto e ribadisce con determinazione l'importanza di offrire ai suoi alunni un ampio ventaglio di strumenti, che consentino loro di affrontare il futuro in modo consapevole e libero, come Gea, da qualsiasi pregiudizio sociale e umano.

WhatsApp Image 2019 06 07 at 20.20.06 WhatsApp Image 2019 06 07 at 20.20.06 5 WhatsApp Image 2019 06 07 at 20.20.06 6
     
WhatsApp Image 2019 06 07 at 20.20.06 1 WhatsApp Image 2019 06 07 at 20.20.06 3 WhatsApp Image 2019 06 07 at 20.20.06 4