Contenuto principale

Messaggio di avviso

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Clicca Qui per ulteriori informazioni.

11  Si è concluso lunedì 3 Giugno il progetto svolto dal “Personale di vigilanza dell'Ente Parco Riviera di Ulisse” “Guardiaparco in erba” che ha avuto come obiettivo principale la conoscenza delle bellezze artistiche, culturali e patrimoniali del nostro territorio attraverso un percorso di educazione ambientale articolato in lezioni e in visite guidate.

Gli incontri nelle classi sono stati svolti durante il periodo invernale riscuotendo enorme successo nei bambini che hanno ascoltato rapiti le nozioni di botanica e di ornitologia fornite dai guardiaparco mentre nell’ultimo periodo dell’anno scolastico gli alunni della scuole primarie “Don Bosco” e “Mazzini”  hanno effettuato escursioni nel Parco di Gianola e Monte di Scauri (classi II, III, IV E V) e nel Parco Regionale Riviera di Ulisse (classi I).

Gli alunni di sei anni, accompagnati dai docenti e dalle guide , si sono avventurati in una passeggiata alla scoperta dei segreti di Monte Orlando: affascinati hanno osservato le tracce lasciate sul terreno dagli animali, hanno ascoltato il cinguettio degli uccelli identificandone la specie, hanno riconosciuto i segni lasciati sulla corteccia dai picchi scoprendo “i rapporti che intercorrono fra i membri di una comunità naturale (rocce, piante e animali) collegati l'un l'altro in un equilibrato e delicato intreccio vitale” .

I bambini, hanno camminato fino alla sommità del promontorio di Monte Orlando fermandosi all’ ombra della grande costruzione cilindrica che ne sovrasta il territorio: il sepolcro di Lucio Munazio Planco “uno dei più imponenti mausolei romani, rimasto miracolosamente intatto nel corso dei secoli e dalle turbolente vicende che hanno travagliato la città che sorge ai suoi piedi”.

Agli alunni è stato proposto anche un “laboratorio artigianale basato sulla realizzazione  di piccoli oggetti tramite l'intreccio delle foglie di stramma”.

Gli studenti delle classi seconde, terze, quarte e quinte, invece, hanno “esplorato” il Parco di Gianola e Monte di Scauri ammirando i resti della  Villa di Mamurra fatta edificare per volontà dell’omonimo cavaliere romano, di origine formiana.

 “Di tale edificio oggi rimangono diversi ambienti posti in modo discontinuo lungo un tratto di costa di oltre 200 metri”; gli alunni hanno potuto ammirare in particolar modo la cisterna detta "Maggiore"  struttura realizzata per garantire alla villa un adeguato afflusso di acqua .

I guardiaparco hanno informato gli alunni di alcune caratteristiche dell’opera  soffermandosi soprattutto sull’uso cui era destinata.

Un momento estremamente emozionante per i nostri bambini è stato quello della liberazione di alcuni uccelli che erano stati “catturati” mediante apposite reti (mist-nets) per essere sottoposti all’inanellamento (applicazione alla zampa o all’ala del volatile di un anello di metallo contenente un codice alfanumerico ).

La pratica dell’inanellamento è assolutamente innocua per i nostri amici pennuti e “consente di ottenere importanti benefici per la ricerca scientifica e per la gestione dell'ambiente, in quanto aiuta a tenere traccia dei movimenti degli uccelli e a raccogliere informazioni sul loro stile di vita. Inoltre è utile per misurarne l’accrescimento, per esaminare le condizioni del piumaggio e della cute e per avere indicazioni sull'età, sul sesso e altre caratteristiche”.

Dopo le visite guidate i guardiaparco, si sono recati, in date alterne, nei diversi plessi scolastici dell’ Istituto Comprensivo “Principe Amedeo” consegnando ad ogni classe un attestato di partecipazione e a ciascun alunno un segnalibro realizzato artigianalmente con la stramma.

 I bambini insigniti “ufficialmente” del titolo “ Sentinella del Parco” si sono trasformati in piccoli guardiani della natura, proprio perché educare all’ambiente non significa impartire regole “dall’alto”, ma vivere esperienze reali, acquisendo conoscenze e valori “al centro dei quali vi è il RISPETTO: “rispetto per gli altri, inclusi quelli della generazione presente e delle generazioni future, rispetto per la diversità, per l’ambiente e per le risorse del pianeta che abitiamo” e la “DETERMINAZIONE” a proseguire il cammino della propria vita  facendo scelte eticamente sostenibili.

1 2 5
3 4 6
8 9 9
12 10 14